Enrico Dindo, un grande violoncellista per quattro grandi autori, Beethoven, Brahms, Debussy e Prokofiev, in duo con Monica Cattarossi

COMUNICATO STAMPA

Enrico Dindo è un violoncellista di qualità straordinarie, artista compiuto e musicista formato, possiede un suono eccezionale che fluisce come una splendida voce italiana”: questi elogi valgono il doppio, perché vengono dal leggendario violoncellista Mstislav Rostropovich.
Mercoledì 6 dicembre alle 18 Enrico Dindo sarà ospite insieme alla pianista Monica Cattarossi della stagione concertistica di Roma Sinfonietta presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” (Auditorium “Ennio Morricone”, Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1).
Dindo nel 1997 conquista il Primo Premio al Concorso “Rostropovich” di Parigi e da quel momento inizia ad esibirsi con le più prestigiose orchestre del mondo come BBC Philharmonic, Orchestre Nationale de France, Filarmonica della Scala, Filarmonica di San Pietroburgo, London Philharmonic Orchestra, NHK Symphony Orchestra di Tokyo e Chicago Symphony, al fianco dei più importanti direttori, tra cui Riccardo Muti, Riccardo Chailly, Myung-Whun Chung, Daniele Gatti, Valery Gergiev, Yuri Temirkanov e lo stesso Mstislav Rostropovich. È anche direttore d’orchestra, fondatore e direttore stabile dell’Orchestra da camera “I Solisti di Pavia” e direttore musicale della Croatian Radiotelevision Symphony Orchestra di Zagabria. La Fondazione Pro Canale gli ha concesso in uso un violoncello Pietro Giacomo Rogeri del 1717, appartenuto a Giovanni Benedetto Platti, uno dei più grandi violoncellisti di ogni tempo. È docente di violoncello presso il Conservatorio della Svizzera Italiana e Accademico di Santa Cecilia. Incide per Decca e Chandos.
Dindo suona in duo con la pianista Monica Cattarossi, che è invitata come solista da varie orchestre europee, suona regolarmente presso importanti associazioni concertistiche internazionali e prestigiosi festival e insegna al Mozarteum di Salisburgo.
Il concerto si avvia con le Sette Variazioni su “Il flauto magico”, composte dal giovane Ludwig van Beethoven sul tema dell’ultima opera di Mozart, precisamente sul duetto “Bei Männern” tra Pamina e Papageno. Segue la monumentale Sonata n. 2 in fa maggiore op. 99 di Johannes Brahms, che ottiene una completa integrazione tra violoncello e pianoforte ed è la più importante sonata per questo duo strumentale dopo quelle scritte oltre mezzo secolo prima da Beethoven. La seconda parte del concerto è dedicata a due grandi compositori del Novecento. La Sonata per violoncello e pianoforte di Claude Debussy fu scritta di getto nel 1915 ed ha la grazia e la felicità delle opere nate spontaneamente e dalla cui stesura è assente ogni apparente sforzo creativo. Infine la Sonata op. 119 di Sergei Prokofev, frutto della felice collaborazione fra un compositore giunto al culmine della fama e prossimo al termine della propria vita e un giovane, straordinario violoncellista in fulminea ascesa, Mstislav Rostropovich. Eseguita a Mosca nel 1950 da Rostropovich al violoncello e dall’autore stesso al pianoforte, entrò ben presto nel repertorio dei maggiori violoncellisti.
Biglietti: euro 12,00. Ridotti: euro 8,00. Studenti: euro. 5,00
Acquistabili anche nell’atrio dell’Auditorium “E. Morricone” prima del concerto

http://www.romasinfonietta.com

Ufficio stampa dell’Associazione Roma Sinfonietta:
Mauro Mariani – mauromariani.roma@tiscali.it

 

Nuova Cayenne. La sportiva che unisce

COMUNICATO STAMPA

AUTOCENTRI BALDUINA

Venerdi 1 Dicembre  2017,  ore  21:00   Teatro  degli  Studios,  via  Tiburtina  521  Roma

La  prestigiosa  casa  automobilistica  tedesca  Porsche  presenterà  la  terza   generazione  della  Cayenne  presso  il  Teatro  degli  Studios  di  Roma,  venerdì  1   Dicembre  2017.   Un  nuovo  telaio  leggero,  pneumatici  misti,  i  potenti  motori  turbo  e  il  nuovo   cambio  Tiptronic  S  a  otto  rapporti  hanno  reso  la  nuova  Cayenne  tre  vetture  in   una:  sportiva,  fuoristrada,  berlina  Gran  Turismo.  Il  modello  è  stato  completamente  rinnovato  secondo  lo  stile  insito  nel  DNA  del  design  Porsche.  
La  Cayenne  è  disponibile  in  due  versioni:  la  Cayenne,  con  motore  turbo  sei   cilindri  e  cilindrata  di  tre  litri,  ha  una  potenza  di  250  kW  (340  CV);  la   Cayenne  S,  dotata  di  motore  biturbo  V6  2.9  litri.   L’ampia  gamma  di  opzioni  di  rete  è  compresa  in  Porsche  Connect  Plus,  inclusa   nell’equipaggiamento  di  serie  della  nuova  generazione  di  SUV.  La  nuova  Cayenne   è  sempre  online  grazie  alla  scheda  Sim  integrata  compatibile  con  LTE.  Le  novità   riguardano  le  funzioni  di  Amazon  Music  e  Smart  Home  fornite  da  Nest  e  Radio   Plus.  Il  nuovo  sistema  Voice  Pilot  è  in  grado  di  comprendere  oltre  100  comandi.   È  disponibile,  inoltre,  una  nuova  app  Porsche  Connect  per  smartphone  Apple  e   Android.   L’evento  è  organizzato  dalla  storica  concessionaria  Autocentri  Balduina,   presente  sul  territorio  romano  da  oltre  cinquant’anni  e  punto  di  riferimento  nel   settore  automotive  a  Roma  e  provincia.   Molti  i  personaggi  che  hanno  confermato  la  loro  presenza  all’evento:   Remo  Girone,  insieme  alla  moglie  Vittoria  Dini,  direttamente  da  Parigi;  Cinzia   TH  Torrini,  importante  produttrice  e  regista  italiana,  insieme  al  marito  e  attore   Ralph  Palka;  Barbara  Bouchet,  attrice  italiana  di  grande  bellezza  ed  eleganza;   Elisabetta  Pellini,  impegnata  sul  set  di  “Allieva”;  Katia  Noventa;  Loredana   Cannata,  a  dicembre  al  cinema  con  il  film  di  Ozpetek  e  attualmente  sul  set  di   “Solo  2”  con  Marco  Bocci;  Pietro  Delle  Piane;  Rodolfo  Corsato,  direttamente   dal  set  di  “Un  posto  al  sole”;  il  regista  cinematografico  Marco  Carniti;  la   ballerina  di  “Ballando  con  le  Stelle”,  Anastasia  Kuzmina;  l’attore  italiano   Antonio  Catania,  impegnato  sul  set  del  film  “Una  storia  senza  nome”  di  Roberto   Andò  e  in  turnée  a  teatro  con  lo  spettacolo  “Hollywood”;  Leopoldo  Mastelloni,   impegnato  al  teatro  Verdi  di  Padova  con  “La  Vedova  Allegra”;  Simone  Ripa,  da   Ballando  con  le  Stelle;  direttamente  dalla  Rai  il  M°  Gianni  Mazza;  il  M°  Riccardo   Biseo,  impegnato  in  vari  concerti  della  Capitale;  il  conduttore  e  giornalista   Amedeo  Goria;  Nadia  Bengala,  Miss  Italia  1988;  Beppe  Convertini;  Roberto   Fiacchini,  figlio  di  Renato  Zero;  direttamente  dal  set  di  Gomorra,  Marco   Palvetti.     Cocktail  di  benvenuto  ore  21:00  con  cena  a  buffet  e  musica  live.    

Il progetto europeo EP-DeM nell’ambito del programma Erasmus

 

Comunicato stampa Post Evento

INNOVAZIONE, FORMAZIONE, LAVORO: I GIOVANI EUROPEI TRA PARTECIPAZIONE ATTIVA E DIALOGO CON I DECISORI POLITICI

 

Presentazione dei principali risultati dei workshop partecipativi di incontro tra giovani e decisori politici sul miglioramento del livello di istruzione, formazione e occupabilità dei ragazzi. Un’occasione per individuare le risposte comuni alle sfide riguardanti l’equità e la partecipazione delle misure di transizione in Europa.

 


ROMA –
Affrontare la questione del disimpegno sociale dei giovani in situazioni di svantaggio, in momenti di transizione scuola-formazione-lavoro, attraverso incontri diretti tra loro e i decisori politici, per dialogare e progettare soluzioni per migliorare il livello di istruzione, formazione e occupabilità. Si chiama Ep-DeM Labs (Equità, Partecipazione e Decision-Making), ed è il progetto europeo nell’ambito del programma Erasmus+Azione key-action 3 i cui risultati sono stati presentati Mercoledì 29 Novembre 2017 presso l’ANPAL Servizi.

Iniziato a Gennaio 2016 con l’obiettivo di innescare un cambiamento dell’approccio alla “questione giovani” nelle politiche di formazione e lavoro, il progetto Ep-DeM Labs sperimentale in 4 città europee (Bologna, Cagliari, Dublino e Londra) ha coinvolto giovani tra i 16 ed i 24 anni in veri e propri workshop a carattere altamente partecipativo da Ottobre 2016 a Luglio 2017, sostenuti da un ampio partenariato coordinato dal Gruppo di Interesse Economico Europeo MetropoliNet.

PERCHÈ EP-DEM LABS? Sempre più ragazzi si trovano ad abbandonare i percorsi scolastico-formativi oppure escono da questi con una qualifica e/o laurea ma il mondo del lavoro non sembra disposto ad accoglierli come meriterebbero. Da qui la necessità di alcune realtà europee attive nel sociale di avviare momenti di incontro-confronto per coinvolgere i ragazzi nella progettazione e realizzazione stessa delle misure antidispersione e di transizione scuola-lavoro. Ecco perché i criteri sui quali si basa EP-DeM sono:

EQUITÀ, capire quanto le altre misure di transizione siano eque in termini di accesso, presa in carico e seguito.

PARTECIPAZIONE attraverso i laboratori per far emergere le voci di giovani, stakeholders e decisori politici su come dovrebbero essere le politiche per il lavoro e l’istruzione.

DECISION MAKING, i laboratori per creare un ponte tra idee e proposte dei giovani per il sistema scuola-formazione-lavoro.

Tutti i giovani che hanno partecipato a Ep-DeM Labs – circa 15-20 giovani per ognuna delle 4 città – sono stati contattati tramite scuole, centri di formazione professionale, centri per l’impiego, università, iscritti a Garanzia Giovani, centri di aggregazione giovanile ecc., e sono stati selezionati per lo più in base alla fascia di età, alla disponibilità e motivazione a partecipare a tutto il percorso e alla loro esperienza di studio e/o di lavoro. L’obiettivo è stato quello di creare gruppi più eterogenei possibili (tra laureandi, laureati, NEET, disoccupati, studenti, giovani con background migratorio, ecc.).

I laboratori si sono tenuti nelle biblioteche (comunali o regionali), nelle sale municipali, provinciali o regionali, nelle sede delle associazioni giovanili e nei centri di formazione professionale (nelle città di Bologna, Cagliari, Dublino e Londra). Gli incontri sono realizzati all’incirca una volta al mese, per l’intera giornata.

Durante l’incontro finale di progetto del 29, è stato proiettato un video-documentario sul percorso EP-DeM realizzato nelle 4 città coinvolte (Bologna, Cagliari, Dublino e Londra), mentre a Conferenza è stata trasmessa in Streaming sul canale YouTube di MetropolisNet: https://www.youtube.com/user/MetropolisnetEEIG 

FRANCESCA NANNI

ufficiostampa@nannimagazine.it

Sito web Ep-Dem: http://www.epdemlabs.eu/

 

-- 
FRANCESCA NANNI
Giornalista - Ufficio Stampa
direttore@nannimagazine.it
ufficiostampa@nannimagazine.it 


			
		

Omaggio a Giya Kancheli

Comunicato stampa

Giya Kancheli è uno dei compositori contemporanei più eseguiti, amato in tutto il mondo per la profondità, per l’immediata comunicatività e le meditative atmosfere della sua musica. A lui la IUC dedica il concerto di martedì 5 dicembre alle 20.30 nell’Aula Magna dell’Università “La Sapienza”, con il mezzosoprano Nino Surguladze e il pianista Alessandro Stella, due tra gli interpreti di Kancheli preferiti dal compositore stesso. Il concerto è in collaborazione con l’Ambasciata della Georgia, in occasione dei venticinque anni delle relazioni diplomatiche tra Georgia e Italia.

Kancheli – che ha assicurato la sua presenza al concerto – è nato ottantadue anni fa a Tblisi, capitale della Georgia. Nel 1991, dopo la dissoluzione dell’URSS, si è trasferito a Berlino, e dal 1995 risiede ad Anversa. Le sue opere più rappresentative del periodo sovietico sono sette Sinfonie di vaste dimensioni e di forte drammaticità, caratterizzate dalla ripetizione ossessiva di brevi frammenti melodici, alternati a lunghe angosciose dissonanze e a violenti interventi degli ottoni e delle percussioni. Quando l’Urss si dissolse, Kancheli era già in età matura, ma l’aria della libertà ha impresso una svolta nella sua produzione artistica, che è passata attraverso un processo di progressivo assottigliamento e rarefazione. Negli ultimi anni ha composto soprattutto pezzi di dimensioni miniaturistiche. La sua musica è comunicativa ed immediata, immersa in atmosfere spiritualiste, e la sua anima georgiana emerge nella citazione di canti popolari o religiosi della sua patria.

Il grande compositore russo Rodion Shchedrin ha definito Kancheli “un asceta col temperamento di un massimalista… un vulcano represso”. La sua musica è stata eseguita in tutto il mondo da grandi interpreti, tra cui Mstislav Rostropovich, Gidon Kremer, Yuri Bashmet e il Quartetto Kronos, ed è stata incisa dalle più importanti case discografiche, soprattutto dalla ECM.

In questo concerto a lui dedicato si potranno ascoltare sue composizioni degli anni recenti. Diciannove miniature tratte da Simple Music for Piano saranno eseguite da uno degli interpreti più ragguardevoli della musica del compositore georgiano, il pianista Alessandro Stella, che ha inciso queste composizioni in un cd entusiasticamente accolto dalla critica internazionale e da Kancheli stesso. Sarà poi presentato in prima italiana il ciclo completo delle dodici Miniatures for voice and piano, su testi originali di Sakandelidze
, nell’interpretazione del grande mezzosoprano georgiano Nino Surguladze, che calca i palcoscenici operistici del mondo intero, dalla Scala di Milano al Metropolitan di New York, ed è la dedicataria di questo ciclo vocale.

 

Mauro Mariani

Ufficio stampa della IUC – Istituzione Universitaria dei Concerti

Mail :  m.mariani.roma@gmail.com

 

Zero INdifferenza. Valorizzare le differenze per abbattere l’indifferenza

COMUNICATO STAMPA

Terza edizione del convegno, martedì 28 novembre, ore 9-14, Auditorium “Ennio Morricone” – Macroarea di Lettere e Filosofia di “Tor Vergata”, Via Columbia 1.

Sensibilizzare per integrare: si terrà il prossimo martedì 28 novembre la terza edizione del convegno “ZeroIndifferenza. Valorizzare le differenze per abbattere l’indifferenza: sport, arte e cultura per l’inclusione”, organizzato dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” con il Comitato per la Responsabilità Sociale di Ateneo e la Commissione CARIS per l’inclusione degli studenti con disabilità e DSA in collaborazione con l’associazione “Vivere da sportivi. A scuola di Fair Play”, no profit nata con l’obiettivo di promuovere rispetto e lealtà nella vita e nello sport.L’incontro punta a sensibilizzare la comunità accademica e l’opinione pubblica in generale sull’importanza dello sport, dell’arte e della cultura quali strumenti fondamentali di integrazione sociale, di valorizzazione delle differenze e di interazione con le persone con disabilità, al fine di promuovere la cultura della parità e dei valori di non discriminazione (di genere, etnia e nazionalità, religione e convinzioni personali, disabilità, età, orientamento sessuale).
Dopo gli interventi istituzionali, fra cui quelli del Rettore di “Tor Vergata” Giuseppe Novelli, del Direttore Generale Giuseppe Colpani e dei Delegati del Rettore Cosimo Tudisco per la Responsabilità Sociale di Ateneo, e Pier Gianni Medaglia per l’inclusione degli studenti con disabilità e DSA, si aprirà una tavola rotonda dal titolo “L’importanza dello sport, dell’arte e della cultura quali strumenti fondamentali per la diffusione di valori etici”.
Tra i partecipanti, il Vice Presidente del Parlamento europeo David Maria Sassoli, l’onorevole Silvia Costa, Componente della Commissione per la cultura e l’istruzione Parlamento europeo, gli onorevoli Bruno Molea e Laura Coccia, rispettivamente Vice Presidente e Componente della VII Commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera dei Deputati, il campione del mondo e pentatleta olimpionico Daniele Masala, la Presidente Comitato Promotore della Campagna “Vivere da sportivi: a scuola di fair-play” Monica Promontorio e Melchor Sánchez de Toca, Sotto-Segretario Pontificio Consiglio della Cultura.
“L’Ateneo di “Tor Vergata” – commenta il Professor Cosimo Tudisco, Delegato del Rettore – grazie al Comitato per la Responsabilità Sociale di Ateneo e alla Commissione CARIS per l’inclusione degli studenti con disabilità e DSA, sostiene e realizza da molti anni numerose iniziative di promozione culturale e sportiva identificate con la formula Zero INdifferenza. Valorizzare le differenze per abbattere l’indifferenza. L’obiettivo è favorire l’incontro e il confronto di studenti con e senza disabilità, di diverse etnie e differenti ideologie.  Sport, arte e cultura sono, infatti, strumenti fondamentali per la diffusione di valori etici, veicoli insostituibili di interazione umana e superamento dei conflitti. Ma c’è di più: i risultati delle attività di sensibilizzazione su questi temi nell’ambito della Terza missione di Ateneo ci hanno spinto a guardare oltre, ad allargare i rapporti con il territorio, con le istituzioni, con l’auspicata previsione di espandere il messaggio dal “territorio Italia” a tutta l’Europa. È proprio alla luce di questa strategia di apertura, attenti all’importanza di una formazione anche personale dei nostri giovani, che abbiamo ampliato nei vari corsi di laurea la possibilità di scambi culturali con studenti di altre nazioni: un’esperienza di arricchimento, un passo fondamentale per una società aperta e il progresso sociale”.
“Con l’appuntamento del prossimo 28 novembre e per la terza volta – è il commento del Rettore Novelli – ZeroINdifferenza racconta l’Università che stiamo costruendo, in linea con la nostra missione a favore di una società inclusiva, senza muri e sostenibile, anche sotto il profilo della coesione sociale. La presenza intorno allo stesso tavolo di alti rappresentanti della società civile, di istituzioni nazionali e europee dimostra come le azioni che “Tor Vergata” sta ponendo in essere nel campo dell’innovazione sociale attirino sempre più attenzione e convoglino entusiasmo, voglia di costruire un programma di lavoro condiviso a tutti i livelli. Questa per noi è l’Università positiva di oggi e di domani”.

CONCERTO DI NATALE: ECCO IL CAST DELLA 25^ EDIZIONE CHE TORNA IN VATICANO

COMUNICATO STAMPA

 

Patti Smith (USA), Noa (Israele), Imany (Francia), Joaquín Cortés (Spagna) Lola Ponce (Argentina), Hevia (Spagna), Al Bano (Italia), Alex Britti (Italia), Suor Cristina (Italia), Gigi D’Alessio (Italia), Fabio Armiliato (Italia), Giò Di Tonno (Italia), Andrea Griminelli (Italia), Syria (Italia), Cheryl Porter & Hallelujah Gospel Singers (USA), Art Voice Academy (Italia), il Piccolo Coro di Piazza Vittorio (Italia) sono gli artisti – ai quali se ne aggiungeranno altri – che il prossimo 16 dicembre, accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Universale Italiana diretta dal Maestro Direttore e Concertatore Renato Serio, daranno vita al Concerto di Natale che per il 25° anniversario della sua nascita ritorna in Aula Paolo VI sotto il Patrocinio della Congregazione per l’Educazione Cattolica.
Il tema del Concerto sarà ancora una volta la promozione di una cultura dell’incontro per costruire la pace, attraverso artisti di ogni nazione, cultura, religione, espressione musicale.
Come avviene ormai da undici anni, l’evento è promosso dalla Fondazione Don Bosco nel Mondo, l’organismo della Congregazione Salesiana che si occupa di reperire risorse per sostenere i progetti dei missionari salesiani nei quattro angoli della terra. Ma quest’anno il Concerto sostiene anche l’attività della Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes, un’istituzione cara a Papa Francesco che l’ha creata per promuovere nelle scuole pubbliche e private di tutto il mondo la cultura dell’incontro per la pace attraverso l’educazione.
Il progetto proposto dalla Fondazione Don Bosco è rivolto alla liberazione dei bambini che in Congo lavorano in condizioni di semischiavitù per l’estrazione del coltan, il minerale necessario per la costruzione dei computer e degli smartphone. Il progetto sul quale richiama l’attenzione la Fondazione Scholas è finalizzato al contrasto del cyber bullismo attraverso l’educazione dei gestori e degli utenti ad un uso corretto degli strumenti di comunicazione elettronica e informatica.
A questi due progetti verranno destinati i ricavi di biglietteria così come le donazioni che perverranno al numero di sms solidale 45549.
Il Concerto, prodotto dalla Prime Time Promotions, verrà trasmesso da Canale 5 in prima serata la notte di Natale.

Per informazioni sulla partecipazione all’evento e acquisto dei biglietti visitare il sito http://www.concertodinatale.it o chiamare il numero 06 68136738.
I biglietti si possono acquistare presso l’ Ufficio mobile delle Poste Vaticane a Piazza San Pietro.

 

Dall’Argentina Daniel Melingo e il suo quintetto con il loro tango, non un prodotto da esporatzione ma l’autentico tango che si può ascoltare nei locali di Buenos Aires

COMUNICATO STAMPA

Daniel Melingo e il suo quintetto in Anda, sabato 25 novembre alle 17.30 all’Aula Magna della Sapienza per i concerti della IUC.
Cantante, clarinettista e autore, Daniel Melingo ha vinto varie volte in patria il prestigioso Premio Gardel ed è l’ambasciatore di un tango popolare e colto, una voce tormentata che attraverso immagini e arrangiamenti atipici vuole riportare la danza nazionale argentina al di fuori degli schemi consueti.
Il suo tango, che reinterpreta il tango cancion inventato da Carlos Gardel, non è un elegante prodotto da esportazione o un’attrazione turistica, ma è il tango dei bassifondi e dei locali fumosi di Buenos Aires, è vita vissuta, ai margini della società, fra strade sporche e personaggi poco raccomandabili. Ma si può incontrare Melingo anche in prestigiose sale da concerto, come la modernissima e sfavillante Elbphilharmonie di Amburgo.
Di lui Le Monde de la Musique ha scritto: “È un eretico della religione tangueira…un iconoclasta che guarda alla vita degli emarginati di Buenos Aires e per farlo va alle fonti d’ispirazione del tango”. Il suo tango è stato definito surrealista e ipnotico, romantico e vertiginoso, e per lui si sono azzardati paragoni con Borges e Fellini.
Insieme al suo quintetto Daniel Melingo eseguirà la musica di Anda, il suo più recente album discografico. Gli altri elementi qel quintetto sono Muhammad Habbibi Guerra (chitarra elettrica, voce), Lalo Zanelli (pianoforte, voce), Romain Lecurier (contrabbasso, voce) e Facundo Torres (bandoneon, voce).

BIGLIETTI: Interi: da 12 euro a 20 euro, più prevendita
Giovani: under 30: 8 euro; under 18: 5 euro

INFO per il pubblico: tel. 06 3610051/52
http://www.concertiiuc.it
botteghino@istituzioneuniversitariadeiconcerti.it
Ufficio Stampa dell’Istituzione Universitaria dei Concerti:
Mauro Mariani

Mail: mauromariani.roma@tiscali.it

 

Presentate alla Casa del Cinema le novità del Centro Sperimentale di Cinematografia

COMUNICATO STAMPA

Si è svolta oggi, presso la Casa del Cinema di Roma, la conferenza stampa del Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale per annunciare le novità della stagione 2017-2018. Presenti il presidente del CSC Felice Laudadio, il direttore generale del CSC Marcello Foti, il presidente e amministratore delegato di Istituto Luce-Cinecittà Roberto Cicutto e il direttore cinema del Mibact Nicola Borrelli.

“Si tratta di novità di restyling legate all’immagine, e di novità strutturali, solide: nuovi spazi, nuovi edifici e nuovi strumenti di comunicazione che permetteranno al Centro Sperimentale e a tutte le sue attività – la Cineteca, la Scuola nazionale di cinema, la biblioteca Luigi Chiarini, la CSC Production – di essere più visibili e più trasparenti”, ha sottolineato Felice Laudadio.

Tra le prime spicca il nuovo portale internet online da oggi, all’indirizzo web http://www.fondazionecsc.it, che rinnova il vecchio sito dal punto di vista della grafica e della comunicazione pur mantenendone in parte i contenuti; e il nuovo logo della Fondazione CSC che comparirà in tutte le sedi deputate e, nella versione animata a cura di Maurizio Nichetti (direttore artistico della sede di Milano del CSC), introdurrà le proiezioni di tutti i film restaurati dalla Cineteca Nazionale. Il nuovo logo ha una sigla musicale composta per l’occasione dal premio Oscar Nicola Piovani.

I film restaurati, nel corso della stagione 2017-2018, arriveranno anche in sala grazie alla nuova struttura CSC Distribution nata all’interno della CSC Production con la consulenza di Filippo Roviglioni. Il primo pacchetto di titoli sarà presentato il prossimo 27 novembre alle Giornate professionali di Sorrento ed è composto da “Ultimo tango a Parigi” (Bernardo Bertolucci, 1972), “Non c’è pace tra gli ulivi” (Giuseppe De Santis, 1950, presentato in prima mondiale alla Mostra di Venezia), “Dillinger è morto” (Marco Ferreri, 1969, presentato in prima mondiale alla Festa del cinema di Roma) e “Miseria e nobiltà” (Mario Mattoli, 1954, presentato in prima mondiale al Teatro San Carlo di Napoli) per il quale si stanno chiudendo gli accordi economici con gli aventi diritto, la famiglia Li Bassi. È una grande innovazione rispetto al passato, quando i restauri erano visibili solo nei festival e in rassegne ad hoc: “Siamo il Centro Sperimentale – ha dichiarato Laudadio – vogliamo sperimentare questa possibilità. Un restauro costa mediamente circa 100.000 euro, è doveroso renderlo pubblico. E speriamo che il clamoroso ritorno in sala di ‘Ultimo tango’ possa fare da traino a questa iniziativa”.

Sempre legato al restauro è l’annuncio dell’Art Bonus, un’iniziativa dell’Agenzia delle Entrate che permette ad aziende e privati di finanziare restauri beneficiando di un credito di imposta del 65%. Cicutto ha auspicato che “l’Art Bonus sia fruibile anche per il materiale d’archivio del Luce”, e ha sottolineato come CSC e Luce-Cinecittà, “da cugini stiano diventando fratelli, in futuro forse gemelli, e lavoreranno insieme su molti progetti, dai restauri all’editoria alla didattica: in questo rientra il modello Erasmus che ricalcheremo nell’elaborazione del MIAC, il Museo Italiano dell’Audiovisivo e del Cinema che sorgerà negli edifici del complesso degli studi di Cinecittà e negli adiacenti edifici dell’Istituto Luce”. Laudadio ha anche annunciato che il 2020 sarà un “anno Fellini”, in occasione del centenario della nascita del grande regista, e “gli enti lavoreranno insieme per un progetto che avrà – vista la fama di Fellini – risonanza mondiale”.

Le novità strutturali riguardano nuovi spazi che il CSC dedicherà alla didattica e alla circuitazione delle sue attività. Dall’autunno 2018 il CSC disporrà a Roma di una nuova sala cinematografica (340 posti) all’interno dei giardini della Biblioteca Nazionale di Castro Pretorio: andrà a sostituire l’attuale sala Trevi, grazie alla convenzione sottoscritta fra CSC e Biblioteca Nazionale (e firmata oggi, alla presenza del direttore della Biblioteca Andrea De Pasquale). Un altro spazio sarà la sala cinema dell’Istituto Tecnico Enzo Ferrari, sempre a due passi da Cinecittà, grazie all’accordo con l’assessore per Politiche della Scuola e Cultura di Roma Capitale Elena De Santis, presente in sala. Da un accordo con i Cavalieri del Lavoro nasce invece la disponibilità di una nuova sede in via Francesco Buonamici, a meno di un chilometro dalla sede storica di via Tuscolana, che potrà essere utilizzata sia come luogo didattico, sia come foresteria per studenti e docenti ospiti; decisivo, per questo accordo, il filosofo Sebastiano Maffettone, membro del Comitato scientifico del Collegio Universitario dei Cavalieri del Lavoro, che ha dichiarato: “La grande industria guarda sempre al futuro e ha una visione internazionale, il Centro Sperimentale forma i cineasti del futuro e – come il Luce e Cinecittà – è famoso in tutto il mondo. Il prossimo passo, spero, sarà istituire al CSC un corso di cinema e filosofia”. Maffettone è anche presidente del Ravello Festival, che il prossimo 8 dicembre concluderà “l’anno di Totò” presentando il restauro di “Miseria e nobiltà” nella prestigiosa sede dell’auditorium Oscar Niemeyer. Foti ha annunciato che tutte queste iniziative sul territorio sono anche legate a un progetto “per la formazione cinematografica nelle scuole, che riguardi sia i docenti, sia gli alunni fin dalle scuole elementari, perché l’amore per il cinema può anche arrivare per caso, ma va coltivato sin dall’infanzia”. Infine, nascerà una nuova sede regionale del CSC a Lecce, in Puglia (la convenzione con la Regione è imminente) che ospiterà il corso “Alta formazione per la conservazione e il restauro del patrimonio culturale cinematografico e audiovisivo”: una scuola di restauro filmico, con docenti internazionali e tecnologie di ultimissima generazione, per formare “in casa” i tecnici che in futuro realizzeranno i restauri promossi e curati dalla Cineteca Nazionale e da altri archivi italiani e stranieri.

Borrelli ha concluso, sottolineando come “il coordinamento fra CSC e Luce-Cinecittà vada nella direzione voluta dal ministro Franceschini e dalla nuova legge sul cinema, che auspica la sinergia fra gli enti pubblici che si occupano di cinema e di audiovisivo”.

Felice Laudadio presidente del CSC

 

 

 

Ufficio Stampa

Susanna Zirizzotti

FLOWING TIME – NEW MEDIA ART FROM CHINA: TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE, L’ARTE CINESE IN MOSTRA A ROMA.

COMUNICATO STAMPA

Il complesso monumentale San Giovanni Addolorata in Piazza San Giovanni in Laterano a Roma, ospiterà dal 29 novembre al 9 dicembre 2017, negli spazi della Corsia delle Donne, la mostra FLOWING TIME – NEW MEDIA ART FROM CHINA, evento che corona un’importante collaborazione istituzionale tra Italia e Cina, attraverso il lavoro congiunto dall’Associazione Culturale Cina Europache l’ha organizzata e promossa insieme all’Associazione Socio Culturale “Angeli in Volo”, con il patrocinio del Comune di Roma e del Consiglio Regionale del Lazio. La mostra, voluta nel cuore della Cristianità ed in particolare in piazza San Giovanni in Laterano, mirabile esempio di elegante commistione di stili artistici ed architettonici, verrà aperta al pubblico dal 30 novembre al 9 dicembre 2017, con orario  pomeridiano, dalle 16,00 alle 20,00,  mentre il 29 novembre è in programma il vernissage di presentazione alle Istituzioni ed alla stampa, con un elegante cocktail che unirà gusti e tradizioni orientali ed europee alla presenza delle Autorità di Roma Capitale, del Consiglio Regionale del Lazio e del Senato della Repubblica, aperto dalla Prof.ssa Bai Yun, Presidente dell’Associazione Culturale Cina Europa che ha fortemente voluto la manifestazione, per portare in Italia il nuovo vento dell’Arte Cinese. Importanti artisti cinesi, con il patrocinio in Cina dell’Accademia di Belle Arti “Sichuan Fine Arts Institute”, in collaborazione con New Media Art Department,  esporranno una serie di opere multimediali, videoinstallazioni, fotografie, olii su tela e inchiostri su carta di riso nell’ambito della manifestazione presieduta dal Prof. Maokun Pang e curata dal Prof.ri Chuan Li e Gang Song, figure di altissimo profilo nel panorama artistico Cinese ed internazionali, che hanno alle spalle moltissime prestigiose esperienze tra cui, in Italia, la Biennale di Venezia. Moltissime le associazioni, gli istituti scolastici e le agenzie turistiche che hanno già manifestato il loro interesse per l’evento e per le opere in mostra, rendendo necessario prolungarne l’esposizione per 11 giorni. Verrà realizzato un prestigioso catalogo della mostra, con profili delle opere e degli artisti presenti, utile anche per un approfondimento sui loro lavori.

L’Associazione Culturale Cina Europa e l’Associazione Socio Culturale “Angeli in Volo” coordineranno ogni fase dell’evento che sarà preceduto, nella mattinata del 29 novembre, da un form di presentazione della Mostra presso l’Aula Paolo VI della Pontifica Università Lateranense.

Ufficio Stampa

Massimiliano Piccino

mail: m.piccinno@womanbride.it

 

 

 

Marhaba Rome Festival 11 – Bellydance Evolution” CLEOPATRA NIGHT CONNY CARACCIOLO E ROSELYNE MIRIALACHI SPECIAL GUEST 24 Novembre 2017 Mercure Roma West Hotel

Non potevano mancare due regine della moda capitolina per la serata di apertura dell’undicesima edizione del Marhaba Rome Festival, lo storico evento che celebra la bellezza e l’arte della danza orientale!

La Principessa Conny Caracciolo e Roselyne Mirialachi direttamente da GoggleBox su Italia 1 saranno le nostre eccezionali madrine di questa serata da Mille e Una Notte, dove vedremo volteggiare nella sala Romolo e Remo del Mercure Roma West Hotel decine di odalische splendenti.

Quest’anno M.me Samira ha voluto dare un tocco di eleganza in più per il Cleopatra Night – International Belly Dance Dinner Gala.

Durante la serata si esibiranno delle TOP BELLYDANCERS della Capitale ed eccezionali Ospiti Internazionali!!

Si esibiranno artisti dall’Argentina, Spagna, Italia, Tunisia, Ukraina!

Con i brillanti intermezzi della nostra presentatrice Lara Farah direttamente da Padova, il Cleopatra Night vi avvolgerà con un crescendo di emozioni e di sorprese che non vorremmo svelarvi prima del tempo.

Durante la serata sarà possibile assaporare la proposta di piatti dello Chef del Mercure, dedicata soprattutto agli ospiti internazionali e nazionali, ansiosi di assaggiare la prelibata cucina romana.

Il pre-serata si aprirà alle 19,30 con la straordinaria Kermesse del celebre concorso MISS BELLY DANCE ITALY 2017, che decreterà le reginette nazionali della danza del ventre.

La prima della categoria Professional si aggiudicherà la SAMIRA FASHION CUP.

Per l’occasione vedremo esibirsi:

DELIA SAMOILA – Vincitrice Miss Belly Dance Gold Ladies 2016

LE FIGLIETTE DI RA – emozionante gruppo di bambine diretto da AYSHA ETTOUNSI

Program: http://www.taus.it/festival Prenotazioni: festival@taus.it

Marhaba Rome Festival 11th Deluxe Edition Bellydance Evolution 2017 24 – 25 – 26 Novembre 2017

Dalle h 21,00 apriremo il Gran Gala “Cleopatra Night” con la cena del Mercure Hotel e il grande spettacolo di danza orientale orchestrato da Maryem e Shahinaz.

Ad aprire il Gran Gala 3 MISS BELLY DANCE D’ECCEZIONE!

VIKTORIA maistruk – Ukraina – Miss Belly Dance Italy 2016 Professional – Vincitrice della Raqia Hassan Cup

MICHELA DE NICOLA – Italia – Miss Belly Dance Italy 2016 New Talent

CRELIA IRIARTE – Argentina – Miss Belly Dance Patagonica 2017

SUPER SPECIAL GUEST DANZANTI:

DALL’ARGENTINA la Guest Star ANGELES

DALLA TUNISIA l’ammaliante danzatore ALEX AL ESCANDER

SPETTACOLI STRAORDINARI delle direttrici artistiche del Marhaba MARYEM & SHAHINAZ e delle super ospiti da rinomate scuole di Roma e d’Italia:

AYSHA E LE FIGLIE DI RA

BASMA

LE 1001 NOTTE

JAMILA BASTET

MARYEM ORIENTAL DANCERS

RAMONA NAWAL

SERENA BOSELLI

SUAD

SUELO

PROGRAMMA SERATE – MARHABA ROME FESTIVAL 11 Venerdì 24 Novembre – Mercure Rome Festival “Cleopatra Night” – International Dinner Gala h 19,30 – Miss Belly Dance Italy h 21,00 – Inizio Gala Cleopatra Night Sabato 25 Novembre h 21,30 – Mercure Rome Festival “Cairo Night” – International Belly Dance Gala Domenica 26 Novembre h 20,00 – Teatro Orione Bellydance Evolution – Fantasm Odissey Of Dreams

Programma sul sito ufficiale: http://www.taus.it/festival Prenotazioni: festival@taus.it – 392.2107732 (anche Whatsapp) Program: www.taus.it/festival

Ufficio stampa Giò Di Giorgioufficiostampagiodi@gmail.com